POSP, per ora solo parole

Un pacs avantiDicono che non si chiameranno Pacs per evitare polemiche, dicono che non hanno nulla a che vedere con i matrimoni gay, dicono, dicono, dicono. Parlano di soluzione legislativa alle unioni civili. Io fino a quando non avrò visto nero su bianco nel Programma (con la P maiuscola) di che cosa si tratta e fino a quando non avrò capito bene, fino ad allora non ci crederò. E quando poi avrò iniziato a crederci, mi darò del cretino: saranno riusciti a farmi essere contento per uno squallidissimo gioco al ribasso.

Marco Mazzei
Biciclette, Milano, viaggi e stelle.

4 Comments

  1. Come ti ho scritto, secondo me non ci sarà proprio niente di cui essere contenti.
    è davvero il trioonfo di Ruini e a noi non resta che cambiare paese se vogliamo essere rispettati

  2. ieri ho lasciato un commento, ma è sparito.
    comunque dicevo che non ci sarà nulla da festeggiare, basta leggere quello che dice Rutelli: “qualche diritto, ma nessuna cerimonia e nessuna registrazione”.
    In pratica il diktat di Ruini.

  3. i pacs forse saranno recepiti per direttiva europea (qualcosa lì si deve pur dare). il problema è che si intendono i pacs come matrimoni, quando sono ben altro…possibile che sia così problematico ampliare le unioni di stato ad ogni variabile statistica possibile?
    massì quelli arriveranno; spiegheranno che istituisco paretela, non matrimonio (ma che triste).

Comments are closed.