Privazioni, forza di volontà, le cose belle della vita

Oggi: non fumo da due anni. Non mangio dolci da una settimana. Era stata più facile la prima settimana senza sigarette.

Senza il tabacco si sta meglio, molto, molto, molto meglio. Si cambia. Davvero. Senza la panna cotta e il gelato e i biscotti e il cioccolato fondente amarissimo e le torte del tedesco si sta molto male.

Marco Mazzei
Biciclette, Milano, viaggi e stelle.

2 Comments

  1. Non tagliare completamente i dolci. Se decidi di eliminarli per questioni di dieta, limitali a una quantità ragionevole: elimina la fetta di torta a fine pasto e sostituiscila con un-quadretto-uno di fondente di ottima qualità. La verità è che il dolce ha una funzione innanzitutto psicologica: eliminarli completamente deprime, mentre per evitare questo effetto è sufficiente consumarne quantità veramente minime purché in maniera regolare e di ottima qualità. Un cioccolatino, un gianduiotto BUONO di Peyrano o, ancora più buoni, di Gobino alla fine di un pasto sono una festa a costo zero che ti mantiene felice e raggiante per tutto il giorno.

  2. Peccato che a quest’ora e’ tutto chiuso, altrimenti sarei gia’ uscito a comprare tutto quello che dici ;-)

Comments are closed.