Letizia Moratti toglie il patrocinio al Festival del cinema gaylesbico di Milano

Leggo su Repubblica di oggi che il sindaco di Milano avrebbe negato il patrocinio al Festival internazionale del cinema gaylesbico in corso da venerdì a Milano. La notizia non viene ripresa on line, e non ne trovo traccia da nessuna parte. Anche il sito della manifestazione continua a riportare le indicazioni sul patrocinio degli assessorati milanesi cultura e tempo libero. Con il patrocinio salterebbero anche i fondi (circa 30mila euro) garantiti dal Comune.
In attesa di leggere le eventuali motivazioni, registriamo un altro passo indietro.

Marco Mazzei
Biciclette, Milano, viaggi e stelle.

2 Comments

  1. Ieri sera ero al Festival, per quanto ne so il Comune non ha dato alcuna comunicazione ai diretti interessati. Almeno, questo si è capito da quanto ha detto Giampaolo Marzi prima delle proiezioni. In rete si trova ancora poco, c’è un articolo su gaynews.

  2. @ Che differenza c’è tra un omicidio schiettista e uno dei nemici dell’umanità?-

    Ma è chiaro, noi colpiamo solo pesci grossi marci puzzolenti, i nemici dell’umanità invece colpiscono gente inerme, pesci piccoli, innocenti, o addormentati in piedi.

    Ti faccio un esempio concreto, se qualcuno domani ammazzasse Letizia Moratti ci sarebbe gran festa popolare. nelle scuole pubbliche ci sarebbero canti, balli e urla. La gente a Milano si incontrerebbe per strada e si direbbe: “hai sentito la novità?”. “No quale?” “Hanno ammazzato la Moratti,il sindaco”, ed entrambi scoppierebbero a ridere.

    Ci sarebbero delle cerimonie funebri di rito, ma il marito per primo sarebbe contento e penserebbe; “meno male, con tutto quello che mi costava, così incasso il premio dell’assicurazione sulla vita e me ne trovo un’altra più giovane.”

    Poi gli altri membri della sua famiglia sotto sotto fra di loro si direbbero che un po’ se lo meritava, e saggiamente osserverebbero che chi la fa se la deve aspettare.

    Anche in consiglio comunale sarebbero contenti, tutti farebbero un piccolo balzo in avanti, in casa DeCorato stapperebbero bottiglie delle migliori marche per la tanto agognata poltrona di sindaco che gli verrebbe assegnata ad interim.

    E così via. Nessuno si vendicherebbe. L’omicidio sarebbe compiuto dal solito folle isolato senza casa, senza lavoro, senza famiglia, che qualche anno prima era stato licenziato da una scuola privata perchè aveva osato dire che la Moratti era una stronza.

    Un chiaro caso di vendetta personale.

    Invece i nemici dell’umanità fanno omicidi come quello Biagi, o l’attenttato delle due torri, o quello di Bologna, per cui la gente non prova nessuna gioia, che sa che ne dovrà patire le conseguenze, e che non cambia nulla.

    Gli omicidi degli schiettisti aprono il futuro, quelli dei nemici dell’umanità lo chiudono.

    Ecco la differenza.

Comments are closed.