Butt Fix: il giorno prima

Milano, martedì 28 agosto, interno giorno. Sul tavolo: 4 buste di Selg, una crema depilatoria per pelli delicate, Betadine sapone. Tutto l’occorrente per preparare al meglio l’intervento proctologico di domani.

Sulla depilazione ho già avuto modo di scrivere parecchio, certo un conto è depilarsi il petto, tutta un’altra questione depilarsi il sedere… Alla fine ne sono venuto a capo, anche se a causa di impiastricciamenti di crema su braccia e gambe, adesso ho una peluria corporale del tipo a macchia di leopardo.

Finito il task depilazione, inizia quello sulla “preparazione intestinale” come la chiamano loro. Già fatta altre volte per la colonscopia, la consideravo la parte meno difficile, almeno fino a quando non mi sono accorto che le altre volte le bustine erano 2, questa volta sono 4… che vuol dire 4 litri di acqua, che vuol dire girare adesso per casa rotondo come un pallone. Un pallone leopardato.

More to come.

Marco Mazzei
Biciclette, Milano, viaggi e stelle.

2 Comments

  1. Omadonnasanta, l’immagine del pallone leopardato mi inquieta. Però meglio il fai da te di quando mi hanno tolto l’appendice e mi hanno rasato in ospedale, con un Bic a secco e modi alquanto bruschi. Ho ancora i brividi al ricordo.

  2. Pingback: Come volevasi

Comments are closed.