Come l’Aids non c’è nessuno, nemmeno in Brianza

Si sta parlando molto di febbre suina in queste ore, ma a me sembra assai più preoccupante questa breve su Corriere.it:

MONZA – 2.500 sieropositivi a Monza e nella Brianza: erano 300 nel 2007. Dell’altissima incidenza dell’Aids ha parlato il primario del reparto di malattie infettive dell’ospedale San Gerardo, Andrea Gori, in occasione della consegna dei 15mila euro raccolti dai commercianti monzesi in collaborazione con Anlaids (Associazione nazionale per la lotta contro l’Aids) per contribuire alla lotta alla malattia. (Agr)

Certo, sulla febbre suina potrà presto dire qualcosa anche il papa che stranamente fino a ora non si è pronunciato, mentre sull’Aids si sa come vanno le cose: meno se ne parla e meglio è.

Marco Mazzei
Biciclette, Milano, viaggi e stelle.