Dalla parte del Cu.

Casa marmaz, interno mattina, circa 10:15:

-qui Psoas a te Cervello, passo
-ciao Psoas, qui Cervello: dimmi tutto
-Psoas: ho saputo che Cu. vorrebbe andare a correre
-Cervello: sì, mi è giunta questa voce
-Psoas: mandagli qualche segnale, quaggiù è ancora tutto infiammato
-Cervello: mi sa che Cu. questa volta non ci sente, è già sulla porta

Casa marmaz, qualche ora dopo:

– ciao Cu. come stai?
– ciao Psoas, io sto alla grande e tu?
– eh, insomma
– dai, è andata alla grande
– sì Cu. però dopo tre mesi fermi, quante paure
– adesso stai bello tranquillo per un po’
– sai Cu. è stato bellissimo quando sull’iPod è arrivata quella canzone e siamo partiti a mille
– ciao Psoas, vado a fare due chiacchiere con Cervello
– ok, digli che ogni tanto è meglio stare dalla parte del Cu.ore

Marco Mazzei
Biciclette, Milano, viaggi e stelle.

1 Comment

Comments are closed.