Usa 2011: da Barstow (California) a Los Angeles (California) e la Route 66 è finita


Santa Monica, California: la Route 66 finisce qui, davanti all’Oceano Pacifico

E così sono arrivato. La Route 66 finisce (o inizia, secondo una versione perversa del viaggio) a Santa Monica, in California. Precisamente alla fine di Santa Monica Boulevard, che dopo aver attraversato quasi tutta Los Angeles arriva in faccia all’Oceano Pacifico, incrociando Ocean Drive. C’è un parco, qui lungo la strada, e nel parco una targa che ricorda la strada (ci sono anche un pessimo chiosco di cianfrusaglie e, direttamente sul molto di Santa Monica, una ridicola targa “66 – end of trial” sotto la quale tutti si fanno fotografare senza ovviamente aver fatto nemmeno un metro della strada).
Quando ho visto il Pacifico sbucare là in fondo e poi affacciandomi sul parco e vedendolo lì davanti a me ho pianto un sacco. In parte stanchezza, di più sincera emozione: per quanto non sia un’impresa (guidare, alla fine, di questo si tratta) è comunque pur sempre un traguardo. E una cosa che mi serve per stare più sereno circa tutte quelle cose che voglio fare e che sono spaventato all’idea di continuare a rimandare. A parte il fatto che siano belle (e la Route 66 è bellissima) o brutte esperienze, sono percorsi.

Ma quindi, ne vale la pena? Secondo me sì se:

  • ovviamente se si ama viaggiare, può durare una settimana (il tempo giusto) o un mese, ma comunque son giorni al volante (o al manubrio)
  • se si ama molto questo Paese, perché alla partenza e all’arrivo ci sono metropoli, ma in mezzo c’è tanta, direi tutta, provincia americana
  • se si può accettare che il proprio immaginario, le tante foto viste, i racconti, la retorica attorno alle Rouet 66, tutto venga messo in discussione ogni giorno e più volte in un giorno perché la Route 66 è vintage, squallore, abbandono, memoria, orgoglio, sporcizia, pericolo, solitudine, colori, neon, confine, paesaggi, grandi spazi deserti, piccoli centri pieni di gente davvero è tutte queste cose insieme
  • se si cerca qualcosa, la risposta a una tua domanda, legato al tempo: lo scorrere del, il passato, il futuro

Adesso mi butto dentro Los Angeles, cercando di capire come mai non mi era piaciuta.

Da Barstow (California) a Los Angeles (California) – 9 agosto, 168 miglia (2.713 totali)

  • Corvette gialle, e rosse
  • compagni di strada: iPhone, treni, la I55, la I40
  • da giocare quindi al lotto: 40 55 66
  • note americane: i body shop sono negozi per le automobili, cioè carrozzerie
  • costo di un taglio di capelli (il mio, con la macchinetta): 9 dollari nel nulla della provincia, 13 dollari avvicinandosi alle città, da 50 a 70 dollari a Los Angeles e Las Vegas
  • la California si sente, eccome: l’aria e la luce e la vegetazione; all’improvviso capisco che cosa si poteva provare nel fare un viaggio simile arrivando quaggiù da lassù

Social / 1: quel che non scrivo qui è probabilmente su Twitter
Social / 2: le foto del viaggio per ora le sto mettendo su Facebook, pubbliche, poi farò un album migliore

Marco Mazzei
Biciclette, Milano, viaggi e stelle.