Caro Giuliano, se non proteggi i ciclisti poi sarà anche colpa tua (e non certo perché non hai il budget per fare le ciclabili)

Caro Giuliano,

ti avevo scritto questo post-lettera qualche settimana fa; era rimasto in bozza in attesa di rileggerlo, limarlo, sistemarlo: venuto fuori sull’onda emotiva di una serie di incidenti, non volevo risentisse troppo, appunto, di commozione ed emozione per la gente morta in bici (e a piedi).
Poi ieri un ragazzino di 12 anni (12 anni!), che tornava a casa in bici dall’oratorio, è stato investito e ucciso da un tram in via Solari: è finito sotto probabilmente per evitare l’apertura della portiera di una macchina posteggiata in seconda fila (Ragazzino di 12 anni in bici travolto e ucciso da un tram).

Cosa devo aggiungere, caro Giuliano? Io trattengo la voglia che ho di uscire e andare a sfondare un po’ di specchietti di macchine in seconda fila, tu devi fare qualcosa. Adesso. Credo dovresti fare quello che ti ho scritto, cioè diramare raccomandazioni continue e incessanti e pesanti: tutti devono proteggere i ciclisti e devono reprimere pesantemente i comportamenti pericolosi delle automobili.

Devi fare qualcosa caro Giuliano, altrimenti sarà anche colpa tua. E non certo perché non avrai fatto un altro pezzo inutile di una pista ciclabile inutile, ma perché non avrai avuto il coraggio di dire che la strada non è solo delle automobili e che i ciclisti vanno protetti.

 
 
 

Milano, 14 ottobre 2011

Caro Giuliano,

ti scrivo per chiedere il tuo aiuto e la tua protezione. La protezione della città e delle sue istituzioni. Sono un ciclista, vado in bicicletta ogni volta che posso, cioè quasi sempre. Sono un ciclista indisciplinato: passo col semaforo rosso, non mi fermo agli stop, vado contromano. Forse per questo sono antipatico, molti di noi sono antipatici. Lo ammetto: è un errore. Però in molte circostanze sono costretto a essere così, per difendermi.

Caro Giuliano, tu devi trasmettere un messaggio chiaro e forte alla Polizia della città, ai guidatori dei mezzi Atm, a chi fa lavori sulle strade e la manutenzione dell’asfalto e dei tombini: i ciclisti vanno protetti. Tu mi devi proteggere. Perché pur essendo indisciplinato e forse antipatico io rappresento una speranza per questa città, noi che andiamo in bicicletta ogni volta che possiamo siamo un passaporto per il futuro. Prova a immaginarti Milano col doppio dei ciclisti che ci sono oggi. Siamo una speranza perché possiamo dare una risposta al traffico, all’inquinamento, all’isterismo, al cattivo umore.

Non ti sto a citare numeri e dati: avrai uffici che te li possono procurare e li potrai analizzare con calma. Guarda quanti ciclisti sono morti o hanno avuto incidenti nella tua città negli ultimi 12 mesi. E quanti pedoni. E poi, caro Giuliano, guardati attorno: ci sono troppe macchine e vanno troppo veloci. Noi ti aiutiamo a risolvere il primo problema, tu devi (e dico proprio DEVI) risolvere il secondo. Perché basta stare un po’ in strada per capire che il primo, vero, tema è la velocità delle automobili. Certo, non è l’unico, ma è quello che potrebbe essere facilmente risolto e fare la differenza.

Caro Giuliano, ieri sera una pattuglia dei Carabinieri mi ha fermato perché stavo facendo servizio d’ordine a Critical Mass, impedendo che le macchine potessero attraversare un corteo di 400 biciclette (andate a portare un fiore a Pier Luigi Todisco, giornalista della Gazzetta investito e ucciso mentre era in bicicletta in viale Sarca, qualche giorno fa); i Carabinieri se la sono presa con me perché facevo quel che in realtà avrebbero dovuto fare loro: proteggere i ciclisti. E se la sono presa con me per il più classico e triste dei motivi: ero il più debole.

Caro Giuliano, credo che in molti se la prendano con i ciclisti perché non hanno il coraggio di prendersela con gli automobilisti. Vorrei che tu non facessi parte di questo gruppo.

Questa mattina un vigile mi ha inseguito e fermato perché ho percorso 200 metri di via Corelli contromano: l’ho fatto perché sulla mia corsia stavano mettendo l’asfalto fresco, quindi prima mi sono preso schizzi e polvere e sassi dei macchinari, poi sono stato costretto ad andare sull’altra corsia, per non rimanere impantanato nell’asfalto fresco. Il tutto sotto gli occhi di due vigili che non si sono minimamente preoccupati di avvisarmi, aiutarmi, appunto proteggermi. Quello che invece mi ha poi inseguito mi voleva multare: una situazione paradossale perché mentre discutevano ai lati della strada le macchine passavano a tutta velocità al nostro fianco.

Non so se tu vai in bicicletta, Giuliano, lascia che ti racconti un itinerario qualsiasi in città: i bordi delle strade sono spesso impraticabili con buche e tombini e fondo irregolare, per non dire dei vetri che si accumulano nel tempo; pedalare vicino alle macchine posteggiate è pericoloso, quasi tutti aprono la portiera senza guardare oppure escono dal posteggio spostandosi di quel tanto che è ininfluente se sei in macchina ma pericolosissimo se sei in bici; quindi meglio pedalare in mezzo alla strada, a distanza di sicurezza, che però diventa pericoloso a causa di quelli che arrivano (sempre viaggiando ben oltre i 50 km orari o comunque oltre le condizioni di sicurezza) a tutta velocità alle tue spalle e – nella migliore delle ipotesi – iniziano a suonarti e pressarti, poi ti superano e spesso ti insultano e ti citano il codice della strada. Oltre ai danni, le beffe.

Sulle condizioni delle piste ciclabili stendo un velo pietoso (e comunque quel pasticcio di Porta Venezia è lì da quasi 2 mesi, non un gran biglietto da visita per la credibilità di chi dice di volere una Milano più a misura di bici), mentre ti vorrei raccontare dei lavori che in qualche modo hanno un impatto sulla strada: chi fa manutenzione, scava, ripara, taglia alberi, fa lavori di qualsiasi genere tende sempre a considerare di mettere in sicurezza la zona per chi viaggia in automobile. Non viene minimamente preso in considerazione il fatto che la strada possa essere occupata anche da altri mezzi. Hai mai provato un incontro ravvicinato in bicicletta con un veicolo Amsa di quelli che fanno la pulizia della strada? O pedalare dove sono stati potati degli alberi?

Caro Giuliano, in questi ultimi 2 mesi ci sono stati un sacco di incidenti che hanno coinvolto ciclisti e pedoni. Se tu non fai arrivare un messaggio forte in molti rinunceranno perché hanno, giustamente, paura. L’altra sera tornando a casa ho assistito all’investimento di un settantenne sulla pista ciclabile (!) di via Corelli: una macchina è uscita da un passo carraio senza guardare e l’ha preso in pieno.

Interessante l’incontro organizzato dal tuo assessore con Ciclobby per parlare della Milano ciclabile che potrebbe essere, però non basta e non risolve il tema di oggi. Per quello serve un tuo intervento forte, attraverso i canali che saprai trovare, perché tutti sappiano che la priorità è la protezione dei ciclisti. E costringere le automobili ad andare più piano: non state facendo nulla in questa direzione, nulla di visibile. Non ricordo l’ultima volta che ho visto un’automobile fermata per eccesso di velocità o guida pericolosa, per non dire della sosta in seconda fila. Certo, lo so, ci sono troppe macchine. Per questo devi far arrivare il messaggio forte: i ciclisti vanno protetti perché sono rari e preziosi. Come puoi pensare che la gente decida di abbandonare l’automobile se tutto gira attorno a quella? Se tutto è organizzato in funzione di quella? Se siete tolleranti con i pirati e ve la prendete con i ciclisti?

Caro Giuliano, quello che ti chiedo lo puoi fare anche subito: non servono soldi, non servono accordi, non servono trattative. Devi solo far arrivare il tuo messaggio forte alle persone giuste: proteggete i ciclisti.

Con stima.

Marco Mazzei
Biciclette, Milano, viaggi e stelle.

17 Comments

  1. Bisognerebbe fare una critical mass ai funerali di questo povero ragazzino. E bloccare tutta la città per ore.

  2. Bella lettera Marco, peccato che né a Giuliano né ai vigili né agli automibilisti né tantomeno ai milanesi in toto frega niente dei ciclisti :-(

  3. glu ordini sono già arrivati ai vigilizi, zero tolleranza per le auto sulle piste ciclabili.

  4. Ho letto con sgomento del povero ragazzino investito dal tram, ma che si vada in giro a raccontare che i ciclisti sono indisciplinati perché devono difendersi mi pare una gran cazzata.

    Te lo dice uno che per anni è andato in bici da ragazzino e che ora da patentato guarda spesso con terrore a quei ciclisti che non rispettano MAI (ribadisco, MAI) semafori e sensi unici.

    Più volte ho rischiato di tirarne sotto uno, pur avendo io tutte le ragioni del mondo (semafori verdi, ecc…) lo stronzo assassino sotto shock all’ospedale sarei stato io poi…

  5. Consiglio la lettura di http://www.wired.com/threatlevel/2011/11/crowd-control/all/1. Un guidatore di bus investe un ciclista e il ciclista si mette di traverso al bus per impedirgli di andarsene. Ma il bus fa parte di un gruppo che trasporta quelli di Occupy. Quelli d Occupy convincono il ciclista a farsi da parte.

    Non è Pisapia, né la ciclabile. È pensiero comune globale anno 2011: vince chi fa la voce più grossa.

  6. Sono pienamente d’accordo con te. Ho 51,da quando ne avevo 15 vado in bici proprio perche’ penso che la soluzione per milano sia avere piu’ ciclisti. bisogna cambiare la mentalita’ e la cultura per fra capire a tutti chd la strada non e’ solo delle automobili.

  7. Guarda Napolux ti sembrerà una gran cazzata, ma per quello che mi riguarda è così: non pretendo di parlare a nome dei ciclisti di Milano, ho scritto solo che IO sono indisciplinato e che so che si tratta di un errore e che però ci sono delle ragioni. Il fatto è che in molti oggi hanno detto “che tragedia” e poi hanno aggiunto dei “ma” come il tuo o simili al tuo. Trovo che questi “ma” oggi siano penosi e patetici.

  8. Penosi o patetici, questi ma esistono e come. Non sarà il caso del ragazzino, per carità, però è anche giusto ricordarli.

    Poi Pisapia può fare tutte le ciclabili che vuole (e leggo sui giornali che ha fatto come i suoi colleghi, dando la colpa a chi lo ha preceduto), ma se non si cambia l’educazione del ciclista e non si multano i ciclisti così come i pedoni indisciplinati… La vedo ben dura.

  9. Esatto! Multare i ciclisti indisciplinati. E anche i pedoni! Certo, è quella la soluzione del problema. Complimenti :-)

  10. ciao, mi aggiungo solo ora…anch’io scosso dall’incidente a Giacomo.. Leggo i commenti pro ciclisti o pro automobilisti? Forse mi sfuggono i termini della polemica..Scusate, ma io chi sono? Sono ciclista, o automobilista? Vi spiego: 4,000km annui in bici (casa-lavoro, 15km diarii * 260 giorni feriali, neve, pioggia, sempre). Mi piace andare in bici, mi diverte, mi fa allegro – anche, molto meno, nel traffico. Mi piace critical mass (sono venuto due volte).Faccio 10,000km anno in automobile (trasporto figli, amici, bisogno di carichi, distanze più lunghe, vacanze).In città non gradisco l’auto (ho incrociato critical mass più di una volta mentre ero in macchina con i figli piccoli – mi sono divertito un sacco a vedervi passare), ma mi piace guidare (sopratutto le vacanze o i weekend).Non mi piacciono i mezzi pubblici: (urbani extraurbani), purtroppo faccio circa 200,000km all’anno in aereo (lavoro)- a Milano, un tram, un bus, forse nemmeno una volta all’anno. Mi aiutate? cosa sono io?

  11. Mi chiedo se questa lettera-post sia anche stata inviata come lettera-lettera o almeno in copia a una decina di giornali cartacei.

Comments are closed.