Milano-Torino in bicicletta a scatto fisso: le (mie) prove generali

La Milano-Torino in bici fissa è uno degli appuntamenti classici della Milano Ciclistica e io quest’anno non me la voglio perdere: la corsa sarà il 22 aprile. Trattandosi della prima partecipazione ho pensato fosse il caso di capire se ce la faccio, appunto, ad andare fino a là, e così oggi ho provato a fare questi 145 km. A Torino con il mio 47/15 ci sono arrivato, ecco come:

  • c’era un gran vento, quasi sempre laterale o diagonale, una vera seccatura
  • il vento era anche freddo e nonostante la bella giornata ho patito davvero molto
  • la strada è ottima: asfalto ok, pochissimi punti dove è sconnesso, perfetto anche per una bici da corsa
  • la strada è pessima: noiosa da morire, ‘sta pianura è proprio triste
  • oggi è Pasqua: il gran deserto
  • quasi nessun problema per le gambe, qualche problema per la testa: ogni tanto ho pensato “cerco la stazione e torno in treno”
  • ho capito perché i ciclisti si depilano le gambe…
  • molti problemi per le mani: dopo un’ora a stringere il manubrio non le sentivo più e non poter mai mollare a causa del vento ha peggiorato la situazione col passare delle ore
  • le ore, appunto: sono uscito di casa alle 8:30, ero in via Foppa alle 9, sono arrivato a Torino alle 14:50: in mezzo una pausa paninopipì da mezz’ora e due pause caffè da 15 minuti
  • non credo ce la farei senza pause, vedremo
  • i momenti di crisi: ad Abbiategrasso, perché pedalavo già da un’ora ed ero ancora praticamente a Milano; a Mortara perché mi sono perso per mezz’ora; a Casale Monferrato, perché ho visto un drammatico cartello “Torino 79 km”; a Morano Po perché sono passato in mezzo a una nuvola di profumodisalamella e mi è venuto un attacco di fame pasquale
  • ritorno a Milano – dove mi aspettavano un tè indiano e una colomba – su nuovissimo treno regionale veloce con ottimo spazio per le bici

Riassumendo: son contento, la corsa merita, non vedo l’ora di farla e di andare a dormire.

Marco Mazzei
Biciclette, Milano, viaggi e stelle.

10 Comments

  1. Grande! Quasi quasi il 22 faccio un salto pure io a questa piccola follia, che l’idea mi piace un sacco

  2. Ciao Marco, ecco perché non ti sento più, adesso anche per gli spostamenti fuori regione usi la bici!!!! Ho visto anche il new look, bello (mi piaceva anche prima). Ciao.

Comments are closed.