Aggregare l’aggregatore aggregando il copia-e-incolla

Ho bisogno di una mano, qualcuno sa dirmi come posso spiegare al signor Federico Salviati che prendere interi articoli dal sito di Panorama e pubblicarli nel suo blog / aggregatore senza nemmeno avvisare non ha nulla a che vedere con la militanza gay?

Ironia della sorte, poi capita che l’aggregatore di Kataweb aggreghi le notizie aggregate dal signor Salviati, e quindi una cosa buttata in Rete da Panorama a un certo punto diventa di altri (l’argomento è un po’ forte, cliccate a vostro rischio e pericolo):

Panorama
Notizie Gay
Kataweb News

Io ho scritto a tutti questi signori, per chiedere spiegazioni: Salviati mi ha risposto che era un’email minacciosa e censoria – e ha continuato ad aggregare da Panorama, quelli di Kataweb non si sono fatti vivi.

La buona educazione sarebbe il modo migliore per gestire anche le complessità della Rete.

Marco Mazzei
Biciclette, Milano, viaggi e stelle.

10 Comments

  1. Notato come Salviati abbia messo una licenza Creative Commons al suo blog? Permette di condividere il ‘suo’ lavoro, di adattarlo, e pone la condizione di attribuirgli il lavoro nel caso qualcuno volesse utilizzarlo.
    A lui è bastato mettere tra parentesi il nome Panorama. Lo avrete ricoperto di ringraziamenti, spero ;-)

  2. in effetti la tua sembra veramente una volontà censoria se ha messo da dove proviene l’articolo (in questo caso Panorama). Dovresti veramente ringraziarlo visto che molti della nostra parrocchia hanno schifo a frequentare i dintorni di Berlusconi. E se non ricordo male Panorama è di sua proprietà… E poi ti domando come tu possa, gay e per’altro pare anche alquanto impegnato e militante avere come padrone Berlusconi… E ti prego, non rispondere che non ha mai interferito, ormai non ci crede + nessuno. Ringrazia che c’è un sito gay dove un babbeo fa circolare le notizie di uno dei giornali del “Padrone d’Italia” e abbasso la censura e la prepotenza quella che nel tuo caso, forse senza nemmeno accorgertene hai fatto

    Saluti combattenti, gay e militanti.
    Giò.

  3. Ho fatto un giro dalle parti di Panorama e nelle pagine dei credits ho scoperto che il giornale su cui scrive nella sezione copyright utilizza la seguente dicitura:
    Per i contenuti delle sezioni archivio, edicola, gallery © Arnoldo Mondadori Editore, per i canali del sito (area blog.panorama.it) alcuni diritti riservati, in base alla licenza Creative Commons

    Rimandando con un link alla licenza utilizzata per il creative commons.

    Mi sembra quindi di capire che non solo questi quà di cui scrivi ma tutti, almeno secondo quanto dichiara il tuo giornale nei credits, sono liberi di:
    1 – di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest’opera;

    2 – di modificare quest’opera;

    alle seguenti condizioni:
    1- Attribuzione. Devi attribuire la paternità dell’opera nei modi indicati dall’autore o da chi ti ha dato l’opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l’opera.

    2 – Non commerciale. Non puoi usare quest’opera per fini commerciali.

    3 – Condividi allo stesso modo. Se alteri o trasformi quest’opera, o se la usi per crearne un’altra, puoi distribuire l’opera risultante solo con una licenza identica o equivalente a questa.(che, guarda il caso, loro hanno e mostrano… sono andato a dare un’occhiata, non conoscevo il sito, ora grazie a te so che esistono)

    A questo punto che dire? Le solite frasi del tipo che i peggiori nemici dei gay sono i gay? oppure urlare la terribile frase: la tua è Omofobia…?

    No, preferisco credere che la mamma dei c*****i è sempre incinta e che probabilmente quelli di Kataweb, come tu dici non ti hanno risposto xchè lo pensano anche loro. Non trovi?

    Saluti combattenti
    Giò.

  4. Caro Gio’, ti faccio notare che sotto ogni notizia del blog in questione c’e’ una pubblicita’, che quindi – tra le altre cose – configura un uso commerciale dei contenuti di Panorama, non permesso dalla licenza.

    Ma ti ribadisco il tema: la buona educazione.

  5. Guarda marco, sbagli, xchè gli annunci pubblicitari sono quelli di google, il proprietario della piattaforma blogger di cui il sito fa parte e poi… cosa vuoi dire educazione? Scrivere all’editore (il “baslettone” ah ah…) , aspettare una risposta? Sai meglio di me cosa significa, che il buon Lele Mora non ci va ma ci diventa Papa.

    Credo che la tua sia solo una polemica sterile o, come si dice di lana caprina. Ad esempio quelli di Gaynews tanto per citare qualcuno che leggo assiduamente e che vedo tu inserisci nel tuo blogroll. ha chiesto “educatamente” di poter stampare il servizio sulle coppie gay pubblicato da Panorama?
    http://www.gaynews.it/view.php?ID=76564

    E così pure le “frociarole” di gay.tv o le “finocchielle” di gay.it?
    Non credo eppure, ne+ ne- han fatto come sti qui o mi sbaglio? E vuoi forse dirmi che lì di pubblicità non ne hanno? Ma se Gaynews dicono che prenda addirittura fondi pubblici…

    Tra l’altro io sono dell’idea che per i gay una voce in più in ambiente ingessato e bloccato da quelli che ho citato poc’anzi non guasta. Leggi ad esempio il pezzo della Alicata su Rutelli. Io manco sapevo che esistesse e quì l’ho scoperta…

    Comunque, Marco, con simpatia e felice di aver fatto la tua conoscenza, ma “smollati” e cerca di essere più gay e cioè + liberooooooooooo.

    Saluti sempre +combattenti.
    Giò.

  6. ps. dimenticavo…
    Il titolo dell’articolo di Panorama utilizzato da notizie gay trovo sia molto + intelligente, malizioso e bello dell’originale.
    Certo, loro possono farlo e la stampa di regime, come dice il Cavaliere…, no, ovviamente.
    E’ questo che ti rode???

    Risaluto.

  7. ..mmazza che figgura de mmmerda…
    scjiogliamo l’ordine dei giornalisti c’ha raggione filippo facci…
    so’ tutti cagoni…
    fabrizio

  8. Caro Gio’ il fatto che gli la pubblicita’ sia della piattaforma non cambia il contesto commerciale di violazione della licenza; ma a parte questo, io non ne ho fatto una questione di licenze e se rileggi quello che ho scritto vedrai che il tema e’ un altro. Anzi sono altri 2: l’educazione in rete, che e’ legato al fatto di riprendere sistematicamente e integralmente e senza link articoli da altri siti, l’aggregazione dell’aggregazione che porta a perdere il percorso dei contenuti e dei loro autori.
    Comunque, vedo che tu preferisci rispondere su alto (Berlusconi & Co.) e fai una bella marmellata: si vede che e’ la caratteristica dei combattenti? Pero’, davvero, sono felice che ci sia una giovane (perche’ sei giovane, vero?) generazione di gay cosi’ agguerriti e pronti a lottare per i nostri diritti.

  9. ho 27 anni… e comunque rispondi a ciò che vuoi tu, fai polemiche sterili, eludi le domande e ti spacci per gay impegnato.
    Un berlusconiano di ferro alla Bondi vedo… complimenti. Invece di sostenere il nuovo, soprattutto nel nostro mondo finocchio magari sostenerli, aiutarli, visto il fallimento evidentissimo degli altri (ma quanto è finto il movimento lgbt italiano) ti perdi in polemiche da vecchia zia di provincia…
    andiamo avanti così, facciamoci del male. Sono proprio quelli come te che ci costringono a restare al palo. dei sofisti inutili a se stessi ed agli altri, astratti personaggi che si parlano addosso o, come nel tuo caso si scrivono addosso, tirando fuori scuse su diritti, autori, regole aggregatori, bla, bla, bla, bla, e noi poveri scemi in piazza anche per uno come te… Regole nella rete? vuol dire divieti e censure… Facciamo firare le idee, l’informazione, la cultura…
    Eccola la casta…i giornalisti!

    saluti combattenti
    Giò.

    ps. ho deciso di scrivere una lettera su questa questione che mandero a quelli di notizie gay, al tuo editore, a kataweb ed a tutto il mondo finocchio della rete. ho intenzione di fare baccano e colpire le tue (xchè mi sembrano essere solo tue…) smanie censorie.

    Pensa al titolo:
    “Gli scherani gay di Berlusconi difendono il proprio portafoglio ed il loro padrone dimenticando le battaglie per i propri diritti”.
    fa effetto vero?

  10. Bravo, era quello che speravo, una nuova generazione agguerrita e aggressiva. Faccio il tifo per voi.

Comments are closed.